Risorse

L’Università di Padova promuove la gestione responsabile delle risorse in relazione agli aspetti di disponibilità, economicità e impatto ambientale, scoraggiando lo spreco e promuovendo la riduzione dei consumi. 

Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti 17-25 novembre 2018
È giunta alla sua decima edizione la Settimana Europea per la Riduzione dei Rifiuti, progetto nato all’interno del Programma LIFE+, per sensibilizzare sulla corretta gestione dei rifiuti e le politiche di prevenzione delineate dall’Unione Europea. L’edizione 2018, sul tema “Prevenire e gestire i rifiuti pericolosi”, ha nel proprio cartellone più di 5000 iniziative di enti, istituzioni e associazioni europee, che fanno proprio il principio delle 3 R: Ridurre, Riutilizzare, Riciclare 
www.menorifiuti.org
www.ewwr.eu/it

 

Di seguito le azioni e gli impegni che l'Università di Padova porta avanti per promuovere modalità di gestione delle risorse sostenibili.

Gli impegni per il quinquennio 2018-2022 
Gli ambiti e le azioni di seguito elencati sono parte integrante della Carta degli impegni di sostenibilità 2018-2022: formazione degli operatori; attivazione di modalità di qualificazione/controllo dei fornitori e di selezione prodotti e servizi sostenibili. Redazione del Piano triennale degli acquisti green.

  • Raccolta differenziata: campagne di comunicazione mirate e formazione e-learning di personale, studentesse e studenti, società di servizi appaltanti al fine di incentivare ulteriormente la raccolta differenziata nelle strutture di Ateneo.
  • Riduzione del consumo di plastica: campagne di comunicazione mirate e approvvigionamento di prodotti biodegradabili e/o riciclabili.
  • Riduzione del consumo di carta e di toner: print management, digitalizzazione dei documenti, dematerializzazione.
  • Riciclo e riuso di prodotti e/o di loro componenti: attivazione di un sistema di gestione on line del materiale da dismettere.
  • Avvio di procedure di gestione interoperabile e sostenibile degli asset di Ateneo mediante applicazione del Building Information Modelling.

Iniziative e azioni

  Dematerializzazione e Print Management

In linea con gli obiettivi di riduzione dei consumi, semplificazione gestionale e promozione di pratiche sostenibili, a partire dal 2017 l’Università di Padova ha avviato la dematerializzazione attraverso:

  • la semplificazione delle procedure di redazione e conservazione dei documenti amministrativi, favorendo i flussi interamente digitali;
  • la digitalizzazione delle procedure quali richieste di ferie, malattia, permessi e missioni;
  • il voto in modalità telematica per le consultazioni elettorali studentesche.

È inoltre stato avviato un progetto di Print Management finalizzato a canalizzare tutti i processi di stampa mediante utilizzo di multifunzioni condivise in rete, abilitate a diverse funzioni (stampa, scansione, invio via mail ecc.), per:

  • ridurre le apparecchiature di stampa personali;
  •  rendere omogeneo il parco macchine favorendo le economie di scala;
  •  monitorare e gestire i flussi di stampa;
  •  migliorare la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, collocando le stampanti in locali dedicati.

L’adozione di queste misure per ridurre l’impatto ambientale dell’attività amministrativa dell’Ateneo ha permesso di ottenere risultati positivi, con una riduzione di ca. 250.000 kg/anno di CO2 emesse in atmosfera, del consumo di carta e dei consumi elettrici.

  Raccolta differenziata

Nel 2016 l’Università di Padova ha formalizzato un accordo con il Comune di Padova ed AcegasApsAmga, per uniformare in tutto l’Ateneo i criteri di gestione della raccolta differenziata dei rifiuti. A supporto di questa azione, nel 2017 è proseguita la collocazione di contenitori per la corretta separazione dei materiali (carta, plastica, lattine e secco) nelle varie sedi dell’Ateneo. Per la promozione della raccolta differenziata, inoltre, sono state realizzate iniziative formative sulla corretta gestione dei rifiuti, rivolte alla comunità universitaria e al personale. Le attività di comunicazione istituzionale sul tema dei rifiuti hanno portato alla pubblicazione, sul sito web di Ateneo, di “Non restare indifferente”, una cartolina informativa per una corretta raccolta differenziata.

 

  Gestione dei rifiuti speciali

L’Università di Padova ha adottato, dal 1982, uno schema organizzativo unico per una gestione comune e uniforme in tutto l’Ateneo dei rifiuti speciali prodotti dalle attività amministrative, didattiche e di ricerca. Sono stati appositamente creati 27 siti di Deposito Temporaneo, dislocati in varie sedi dell’Ateneo, per ottimizzare la gestione e la raccolta dei rifiuti.

L’Ateneo si adopera affinché:

  • i rifiuti prodotti non vengano dispersi nell’ambiente;
  • sia rispettata la normativa in materia ambientale e di sicurezza;
  • le modalità di gestione dei rifiuti siano omogenee in tutto l’Ateneo;
  • i rifiuti vengano conferiti in modo formalmente corretto ai trasportatori e agli smaltitori, per la tutela della salute dei lavoratori e nel rispetto dell’ambiente.

Lo smaltimento delle diverse tipologie di rifiuto viene effettuato da ditte individuate tramite gare d’appalto uniche a livello di Ateneo, privilegiando i sistemi che permettano il riutilizzo e il recupero di materiale ed energia. 

 

Rifiuti speciali di origine chimica e sanitaria
L’Università di Padova produce, nell’ambito dell’attività didattica e di ricerca, grandi quantitativi di rifiuti classificabili come di origine chimica e sanitaria, provenienti per la maggior parte dalle aree Sud-Piovego, Nord-Piovego e Campus di Agripolis, e li smaltisce secondo la normativa vigente con una forte attenzione alle procedure e alla formazione di chi opera nel settore. 

Rifiuti derivanti da apparecchiature elettriche ed elettroniche – RAEE
Nel corso degli anni 2016-17 l’Università di Padova ha raccolto, nell’ambito dell’accordo “Apple Recycling Program” promosso con il Consorzio REMEDIA TSR, circa 54.000 kg di materiale elettronico e informatico. A settembre 2018, è stato sottoscritto un accordo quadro con il Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo – COBAT per il ritiro a titolo gratuito di tutte le apparecchiature RAEE da dismettere all’interno delle strutture dell’Ateneo, con un sistema organizzativo certificato EMAS, ISO 9001 e ISO 14001. COBAT fornirà  all’Ateneo un rapporto sui materiali nobili recuperati dallo smaltimento dei RAEE.  

Accumulatori e batterie
COBAT, il più importante consorzio italiano del settore, gestisce la raccolta, all’interno dell’Università di Padova, di batterie e accumulatori. Il ritiro di tali tipologie di rifiuti è effettuato a titolo gratuito. 

Raccolta pile stilo
A livello nazionale, la raccolta di pile stilo è gestita, dal 2012, dal CDCNPA (Centro di Coordinamento Nazionale Pile e Accumulatori), secondo criteri uniformi su tutto il territorio italiano. All’interno dell’Università di Padova la raccolta delle pile stilo viene effettuata attraverso contenitori dedicati dislocati in vari punti di raccolta, e il loro corretto smaltimento è garantito dal Comune di Padova tramite AcegasApsAmga S.p.A., con cui è stato stipulato un apposito accordo. 

Recupero carta e cartone
La raccolta di carta e cartone all’interno dell’Università di Padova viene gestita in parte attraverso un cassone carrabile sito nel Nuovo Archivio di Ateneo, a Legnaro, per lo scarto di documenti cartacei che vengono totalmente riciclati, e in parte attraverso il sistema della raccolta differenziata. Nel 2017 è stato raccolto e avviato a riciclo un quantitativo di carta e cartone pari a 32 tonnellate.  La ditta che gestisce dal 2016 la raccolta di questo materiale è associata al CONAI (Consorzio Nazionale Imballaggi). 

Recupero metallo
Il recupero del materiale ferroso derivante dalle attività svolte all’interno dell’Università di Padova, da settembre 2018 avviene attraverso la raccolta in un cassone posto nel magazzino di Ateneo, con lo scopo di ottimizzarne il trasporto e il conferimento gratuito a un’azienda appositamente incaricata, iscritta al CONAI. 

Raccolta toner
Presso le sedi dell’Università di Padova sono presenti contenitori Ecobox per la raccolta di toner e cartucce esauriti, che per molte delle strutture di Ateneo vengono poi ritirati e recuperati su richiesta da AcegasApsAmga S.p.A. 

www.unipd.it/gestione-rifiuti-speciali

  Il progetto “Recupera i tappi in plastica”

Il progetto, nato grazie alla collaborazione fra l’Ateneo e l’Associazione Ricreativa Culturale Sportiva (ARCS), prevede la raccolta dei tappi in plastica, più facili da lavorare e riciclare, attraverso contenitori appositi distribuiti nelle sedi dell’Ateneo. Il ricavato della vendita dei tappi viene destinato a progetti di beneficenza, donando così all’iniziativa una valenza di sostenibilità sociale oltre che ambientale, valorizzando sia il recupero dei materiali plastici che il supporto alle associazioni del territorio.
Informazioni

 

Per ulteriori informazioni si rimanda alla pagina Informazioni ambientali della Sezione Amministrazione trasparente. In questa pagina è pubblicata una relazione con le informazioni ambientali di cui all'art.  2, comma  1, lettera a)  e art. 10 del Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 195 detenute dall'Università di Padova ai fini dello svolgimento delle proprie attività istituzionali.

Ufficio Public Engagement

Settore Coinvolgimento e sostenibilità
mail: sostenibilita@unipd.it
tel.: 049 827 3594 - 3423